Archivio | novembre, 2013

Sformatini di carote viola e ricotta— Purple carrots and cottage cheese flans

28 Nov

Eccomi come promesso con la seconda ricetta con le carote viola! Questa è una ricetta vegetariana, non vegana: dei piccoli sformati di carote viola e ricotta! 🙂 Gli ingredienti sono:
200gr di carote viola
250gr di ricotta
45gr di parmiggiano
200ml d’acqua
sale.

Here I am as I promised with the second recipe with purple carrots! This is a vegetarian recipe, not vegan: small flans of purple carrots and cottage cheese! 🙂 The ingredients are:
7,05 oz purple carrots
8,81 oz cottage cheese
1 egg
1,59 oz parmesan
6,76 fl oz water
salt.

20131125_182218

Pelate le carote, tagliatele a pezzi e cuocetele in 200 ml d’acqua per 15-20 minuti assieme ad un pizzico abbondante di sale.

Peel the carrots, cut them into pieces and cook them in 200 ml of water for 15-20 minutes with a generous pinch of salt.

20131125_183338

Quando sono cotte frullatele con l’acqua di cottura, poi aggiungete la ricotta, l’uovo e il parmigiano e mescolate bene.

When cooked, whisk them with the cooking water, then add the cottage cheese, egg and Parmesan cheese and stir well.

20131125_185742

Versate il composto in degli stampini, ma non riempiteli fino ai bordi.

Pour the mixture into the molds, but do not fill them to the edges.

20131125_190625

Cuocete in forno preriscaldato a 170 gradi per circa 35 minuti, controllando la cottura con uno stecchino. Sfornate e lasciate intiepidire, quindi rovesciate gli sformatini su un piatto da portata e servite.

Bake them in preheated oven at 170 degrees for about 35 minutes. To see if they’re ready check them with a toothpick. Remove from the oven and let cool, then reverse the flans on a platter and serve.

20131125_203357

“Sagne” e fagioli color violetta — “Sagne” and beans violet colored

26 Nov

“Sagne e fagioli” sono un tipico gastronomico della mia zona di origine, il Molise. Sono un piatto tipico della tradizione pastorale e contadina, fatte da un impasto di acqua, farina e sale, che ne denotano appunto l’origine povera, la pasta di tutti i giorni. A vederle sono una specie di tagliatelle, solo un pò più corte. Le “sagne” sono il piatto forte di mia madre, che  le cucina spessissimo. La ricetta che vi propongo è proprio la sua, io ho deciso di dargli un tocco di colore visto che avevo a disposizione l’acqua di cottura delle carote viola usate nella precedente ricetta. https://healthyfoodhappymind.wordpress.com/2013/11/25/vellutata-di-carote-viola-purple-carrots-cream/
Ingredienti per 4 persone:
450 gr di farina (io ho usato farina integrale di kamut)
una tazza di acqua di cottura di carote viola (potete usare ovviamente acqua semplice)
una manciata di sale.
Per il condimento:
250gr di fagioli
un trito di carote, cipolla, sedano e zucchina
olio evo, sale.

“Sagne e fagioli”(homemde pasta and beans) are a typical gourmet dish from where I was born, Molise. It’s a dish of the pastoral and farming tradition, made ​​from a mixture of water, flour and salt, which indicates precisely its poor origin , the everyday pasta. If you look at the “sagne” you can see they look like some kind of noodles, just a little bit shorter. “Sagne” are my mother’s most famous recipe, she cooks them very often. The recipe that I propose you today, it’s her recipe but I decided to give it a touch of color because I had some purple carrots cooking water I used in the previous recipe. https://healthyfoodhappymind.wordpress.com/2013/11/25/vellutata-di-carote-viola-purple-carrots-cream/
Ingredients for 4 people:
15,87 oz flour (I used whole wheat flour kamut )
a cup of purple carrots cooking water (of course you can use plain water )
a handful of salt.
For the dressing :
8,82 oz beans
chopped carrots , onion, celery and zucchini
extra virgin olive oil, salt.

Impastate la farina con l’acqua e il sale fino ad ottenere un impasto denso e compatto.

Knead the flour with the water and some salt until the mixture is thick and compact.

20131125_181932

Dividete l’impasto in quattro parti e stendetele con un mattarello.

Divide the dough into four pieces and roll them out with a rolling pin.

20131125_182848

Tagliatele a listarelle della lunghezza di circa 5 cm con un coltello.

Cut them into strips the length of about 2 inches with a knife.

20131125_191418

Nel frattempo mettete i fagioli (prevalentemente cotti), con il trito di verdure, in una padella con un filo d’olio e un pò d’acqua. Coprite con un coperchio e fate stufare, dopo un pò togliete il coperchio e continuate la cottura fichè tutta l’acqua non sarà evaporata.

Meanwhile, put the beans (previously cooked) with the chopped vegetables in a pan with a little olive oil and a little water. Cover with a lid and let simmer. After a while, remove the lid and continue cooking until all the water evaporates.

20131125_191527

In una pentola portate l’acqua ad ebollizione, salate e fate cuocere le sagne per circa 2-3 minuti. Scolatele, versatele nella padella con i fagioli, amalgamate e servite in tavola! 🙂

In a saucepan, bring the water to boil , add salt and cook “the sagne” for about 2-3 minutes. Drain them, pour them into the pan with the beans, stir and serve ! 🙂

20131125_205048

Vellutata di carote viola — Purple carrots cream

25 Nov

Lo sapevate che le carote in origine erano “viola”? Nel 1720 gli olandesi decisero di cambiargli il colore in onore della dinastia regnante, gli Orange, e di qui ebbe inizio la trasformazione, che non è avvenuta in laboratori, come per le moderne “modificazioni genetiche”, ma nei verdi campi olandesi, per selezione successiva, partendo da un seme di carota proveniente dall’Africa del nord. Così nel giro di qualche anno si è arrivati ad una carota arancione, perdendo la semenza delle prime che fino ad allora erano viola o bianche.
Le carote viola sono ricche di antiossidanti preziosi per la nostra salute, le antocianine, che aiutano a contrastare l’invecchiamento, in quanto contrastano l’azione dei radicali liberi. Inoltre vengono usate nell’industria alimentare come colorante. Potete leggere informazioni a riguardo in questo articolo: http://bressanini-lescienze.blogautore.espresso.repubblica.it/2012/01/16/il-colore-viola/  Un altro interessante articolo sulle carote viola lo trovate qui, ma solo in inglese: http://www.purple-carrots.com/. Era da tanto che le cercavo, e in realtà devo dire che non è stato facile trovarle.. Dovrete provare in un supermercato ben fornito. Vista la difficoltà nel reperirle, vi presenterò ben due ricette con le carote viola! La prima è una vellutata di carote viola, dal sapore leggero, vi sembrerà quasi di mangiare delle carote arancioni, hanno lo stesso sapore.

Did you know originally carrots were”purple”? In 1720, the Dutch decided to change their color in honor of the reigning dynasty, the Orange, and here began the transformation, which has not taken place in laboratories like the modern “genetic modification”, but ingreen fields in the Netherlands, for next selection, starting from a carrot seed coming from North Africa. So in a few years, they arrived at an orange carrot, losing the seed of the first species, which until then were purple or white.
Purple carrots are rich in antioxidants precious for our health, anthocyanins, which help to fight aging, as they counteract the effects of free radicals. They are also used in the food industry as a coloring agent. You can read other informations about purple carrots here: http://www.purple-carrots.com/ I was looking for them for such a long time, and I have to say that it was not easy to find them.. You’ll have to try to look for them in a well-stocked supermarket. Given the difficulty in finding them, I will make two recipes with purple carrots! This is the first!

20131124_160129

 

Per la ricetta avrete bisogno di:

240 gr di carote viola
1 patata
un piccolo pezzo di sedano
un piccolo pezzo di cipolla rossa
sale
olio evo.

You will need:

8,46 oz purple carrots
1 potato
a small piece of celery
a small piece of red onion
salt
extra virgin olive oil.

20131125_125142

Pelate le carote e la patata, poi tagliatele in piccoli pezzi, insieme al sedano e la cipolla.

Peel the carrots and the potatoes, then cut them into small pieces, along with the celery and the onion.

20131125_130532

 

Versate tutto in una pentola con poca acqua, un pizzico di sale e fate cuocere per circa 20 minuti, finchè le verdure non saranno cotte. Per controllare la cottura usate pure una forchetta. Se avanza troppa acqua toglietene un pò, condite con un filo d’olio d’oliva e frullate tutto con un mixer ad immersione. La vellutata è pronta! 🙂

Pour everything into a saucepan with a little water, a pinch of salt and cook for about 20 minutes, until the vegetables are cooked. You can usea fork to check if they’re ready.
If there’s too much water get rid of some of it, add a drizzle of olive oil and blend everything with an immersion blender. The cream is ready! 🙂

20131125_134305

 

 

 

Biscotti all’avena con farina di grano saraceno — Oatmeal cookies with buckwheat flour

23 Nov

Oggi avevo voglia di fare dei biscotti per il thè, perchè non ne avevo neanche uno. L’unica farina che avevo a disposizione era quella di grano saraceno, allora ho deciso di aggiungere dei fiocchi d’avena che uso a colazione per fare il porridge ed è venuta fuori una ricetta devo dire niente male! Provateli e fatemi sapere se vi sono piaciuti. 🙂
Gli ingredienti che ho usato sono:
85gr di fiocchi di avena integrale
150grammi di farina di grano saraceno
80gr di zucchero di canna integrale
130ml di latte di riso
60gr di olio evo
un pizzico di sale
mezza bustina di lievito.

Today I wanted to make cookies for my tea, cause I didn’t have a single one. The only flour I had available was  buckwheat flour, so I added some oatmeal that I use to make porridge for breakfast and I had to say it came out they were very good cookies!! Try them and let me know if you liked them. 🙂
The ingredients I used are:
3 oz wholemeal oat flakes
1 and 1/2 cup buckwheat flour
2,82 oz brown sugar
4,5 fl oz rice milk
2,03 fl oz extra virgin olive oil
a pinch of salt
half a packet of baking powder.

20131122_155451
In una ciotola mescolate l’avena, la farina, lo zucchero, il sale e il lievito. Aggiungete l’olio e il latte e amalgamate fino a formare un impasto abbastanza denso.

In a bowl, mix the oats, flour, sugar, salt and baking powder. Add oil and milk and stir until the dough becomes dense enough. 

20131122_160202

 

Con un cucchiaio infarinato prendete un pò di impasto e versateli su una teglia ricoperta di carta da forno e schiacciate l’impasto fino a dargli una forma arrotondata.

With a floured spoon take a bit of dough and pour it on a baking tin covered with baking paper and press the mixture to give it a rounded shape.

20131122_161720

Infornate per circa 20 minuti a 170 gradi.

Bake for about 20 minutes at 170 degrees.

20131122_170744

Polentine al forno — Baked polenta

22 Nov

Non mi piace buttare via il cibo, soprattutto la polenta avanzata!!! 🙂 Ieri sera devo ammettere di averne fatta un bel pò, infatti ne è avanzata parecchia! E quale miglior modo per non permettere che vada perduta?!! Farla al forno! Io la adoro fatta al forno e questa volta per stuzzicare ancora di più il palato ho aggiunto qualche piccolo particolare che ha reso queste polentine davvero squisite! Sono semplici da realizzare. Vi serve:
un pezzo di polenta avanzata
delle formine per biscotti
del pesto
della salsa di pomodoro
del formaggio grattugiato
Prendete il pezzo di polenta e tagliatelo in modo che abbia un’altezza di 3 o 4 centimetri.Io l’avevo messo in un contenitore dal bordo alto, quindi ho dovuto tagliarlo a metà, ma se conservate la polenta in un contenitore dal bordo più basso potete saltare questa operazione.

I don’t like to throw away food, especially the polenta! 🙂 Last night I must admit I cooked lots of polenta, in fact I had so much of it that wasn’t eaten. And what better way to not allow it to be wasted? ! Bake it!  I love baked polenta and this time to make it tastier I added some small details that has made these “polentine” really delicious! And they’re so fast and easy to make. You will need:
a piece of polenta 
cookie cutters
pesto
tomato sauce
grated cheese
Take the  polenta and cut it so that it has a height of 1,2 or 1,6 inches. If you store it in a conteniner with a low edge you can skip this step.

20131121_122314

Con delle formine per biscotti ritagliate dei pezzetti di polenta e mettetele su un teglia ricoperta di carta da forno.

With cookie cutters, cut out some pieces of polenta and place them on a baking sheet covered with baking paper.

20131121_133758

 

Accendete il forno al massimo della potenza e fate tostare le polentine per circa 10 minuti. Dopodichè tirate fuori la teglia e ricoprite alcune polentine con pomodoro e formaggio, o solo pomodoro (come preferite) e altre con del pesto.

Turn on the oven at maximum power and toast the polenta for ten minutes. Then pull out the pan and cover some polenta with tomato and cheese, or just tomato ( as you prefer) and the others with pesto.

20131121_135503

Infornate per altre cinque minuti e il gioco è fatto! Potete servirle come aperitivo o come antipasto!

Bake for another five minutes and you’re done ! You can serve them as an appetizer or as an entree!

20131121_141815

Zuppa di ceci e castagne — Chickpeas and chestnuts soup

19 Nov

Devo ammettere che non avevo mai provato questa bontà! Invece la settimana scorsa mentre ero in tournè con lo spettacolo su Galileo Galilei, con i miei colleghi siamo entrati in un ristorante e il piatto del giorno era proprio la zuppa di ceci e castagne! Non sapevo delle sua esistenza!!!! L’ho subito ordinata perchè mi piacciono molto i ceci e sono rimasto ammaliato dal suo sapore meraviglioso! Così ho deciso di provare a farla io a casa! Mi è piaciuta moltissimo e poi in questo periodo dell’anno è perfetta! La mia versione della zuppa è così:
Ingredienti:
200 gr di castagne
240 gr di ceci
un pezzettino di zenzero
qualche ago di rosmarino
sale
olio evo.

I must admit I had never experienced this goodness ! Well, last week while I was on tour with the show about Galileo Galilei, I had lunch in a restaurant with my collegues and the dish of the day was chikpeas and chestnuts soup! I didn’t even know of its existence! I immediately ordered it cause I love chickpeas and I was charmed by its wonderful flavor! So I decided to try it and make it myself at home! I just loved it ! I think I will do it again very soon and it’s just perfect fot this time of the year! My version of the soup is this one:
Ingredients:
7,05 oz  chestnuts
8,47 oz chickpeas
a small piece of ginger
a few rosemary needles
salt
extra virgin olive oil .

20131118_131608
Durante la notte mettete i ceci in ammollo, poi scolateli, versateli in una pentola con l’acqua e quando l’acqua inizia a bollire aggiungete una presa di sale. In un’altra pentola lessate le castagne quindi scolatele ed eliminate buccia e pellicola.
A cottura avvenuta scolate anche i ceci, conservando l’acqua di cottura, e lasciate raffreddare per pochi minuti. In una padella piuttosto capiente e dai bordi alti versate l’olio, lo zenzero e il rosmarino. Unite i ceci e le castagne tagliate a pezzettini, l’acqua di cottura e lasciate cuocere a fuoco dolce. Salate e proseguite la cottura per circa 30 minuti, aggiungendo altra acqua se necessario per evitare che si asciughi.

During the night, put the chickpeas to soak, then drain them and pour them into a saucepan with some water and when it begins to boil, add a pinch of salt. In another pot, boil the chestnuts then drain them and remove peel and film.Once they’re  cooked drain the chickpeas , retaining the cooking water, and let cool for a few minutes. In a large frying pan with high sides pour the oil , the ginger and the rosmary needles.  Add the chickpeas , the chopped chestnuts, the cooking water and simmer on low heat . Add salt and continue cooking for about 30 minutes, add more water if necessary to prevent it from drying.

20131118_140448

A cottura avvenuta frullate per ottenere una crema densa, quindi servite con un filo d’olio a crudo.

Once cooked blend everything until you will have a thick cream , then serve with a drizzle of olive oil.

20131118_145308

Involtini di cavolo rosso ripieni di miglio — Red cabbage rolls stuffed with millet

18 Nov

E’ la prima volta in vita mia che provo a fare degli involtini ripieni, quindi prendete per buono quello che ne verrà fuori! 🙂 A parte gli scherzi, sono sempre stato tentato dal fare involtini di verza, ma alla fine non li ho mai fatti. L’altro giorno mentre ero al mercato di piazza Vittorio, qui a Roma, ho comprato un bel cespo di cavolo rosso e ho deciso di provare a fare degli involtini ripieni di miglio, visto che ne avevo un bel pò! 🙂 Devo dire che il risultato dal punto di vista del gusto è stato molto buono, un pò di meno per quanto riguarda la forma degli involtini! Devo specializzarmi! Ma sicuramente una buona prova!

It ‘s the first time in my life that I try to do some rolls stuffed, so take for what good what will come out of it! 🙂 Joking aside, I have always been tempted by makin cabage rolls but in the end I’ve never made them. While I was at market in Piazza Vittorio’s market, here in Rome,the other day I bought a fine head of red cabbage and I decided to try to make some rolls stuffed with millet, cause I had quite a bit! 🙂 I have to say that the result was very good from a taste the point of view, I can’t say the same with the shape of the rolls! I will specialize! But definitely a good try!

Gli ingredienti che ho usato sono:
1 cespo di cavolo rosso
200gr di miglio
2 carote
1 zucchina
mezzo scalogno
1 dado vegetale biologico
1 cucchiaino di zenzero in polvere (facoltativo)
olio evo
sale
prezzemolo

The ingredients I used are:
1 head of red cabbage
7,05 oz  millet
2 carrots
1 zucchini
half a shallot
1 vegetable buillon cube
1 teaspoon powdered ginger (optional)
extra virgin olive oil
salt
parsley.

20131116_135611

Per prima cosa fate bollire il miglio in mezzo litro d’acqua e un dado per circa venticinque minuti. L’acqua dovrà assorbirsi completamente. Intanto prendete il cavolo rosso e togliete delle foglie, le più grandi. Io sono riuscito a recuperare circa 20 foglie, ovviamente di dimensioni diverse. Tagliate a pezzetti quello che rimane del cavolo e mettetelo in una padella insieme alle carote, la zucchina e lo scalogno. Aggiungete dell’acqua, un goccio d’olio, il cucchiaino di zenzero, salate e fate stufare fin quando l’acqua non si sarà assorbita.

Firstly cook the millet in 2 cups of water and 1organiz buillon cube for about twenty five minutes. The water must soak completely. .Meanwhile, take the red cabbage and remove the leaves, the largest ones. I managed to obtain about 20 leaves, of  different sizes, of course. Chop the remaining cabbage and place it in a pan along with the carrots, zucchini and half a shallot. Add water , a little olive oil , a teaspoon of ginger , salt and let simmer until the water will be absorbed.

20131116_143650

In un’altra pentola portate dell’acqua salata ad ebollizione e metteteci dentro le foglie di cavolo. Dovete farle scottare per circa 5 minuti. Dopodichè prendetele delicatamente con un mestolo forato e fatele asciugare. Quando le verdure sono pronte passatele col mixer e mescolatele al miglio insieme a 4 cucchiai di pan grattato.

In another saucepan boil some salted water and put the cabbage leaves inside for about 5 minutes.Then gently take them out with a  slotted spoon and let them dry. When the vegetables are ready blend them along with 4 tablespoons of bread crumbs.

20131116_150443

Ad una ad una  riempite le foglie di cavolo rosso con un pò di miglio e chiudetele con degli stecchini. Potete formare degli involtini o dei fagottini, dipende dalla grandezza delle foglie. Io ho fatto un pò e un pò! 🙂

One by one fill the leaves of red cabbage with a bit of millet and close them with toothpicks . You can form some rolls or dumplings,  depending on the size of the leaves. I did both of them! 🙂

involtini

 

Riponete gli involtini in una teglia dove avrete precendetemente messo un pò di acqua e un filo d’olio e infornate a 180 gradi per circa 20 minuti! Buon appetito!!! Ah non dimenticate di togliere gli stecchini mi raccomando! 😉

 Put the rolls in a baking dish with some water and a little olive oil and bake them at 180 degrees for about 20 minutes! Enjoy your meal ! Ah, don’t forget to remove the toothpicks! 😉

20131116_155208